domenica 1 maggio 2016

Recensione "Rossofuoco" di Ardea Editrice

Oggi vi presento un testo che una casa editrice ha voluto mandarmi per avere la mia opinione, cosa che mi ha fatto molto piacere! Come sempre cercherò di descrivervi il testo in modo chiaro e più oggettivo possibile, spero... visto che il testo mi è piaciuto molto.

di Rosa Dattolico
Casa editrice Ardea

Per una volta vorrei iniziare la recensione con le qualità che ho subito apprezzato, per poi entrare nel dettaglio:
- impaginazione chiara e non dispersiva;
- formato non eccessivamente largo, ma umano (finalmente! Uno dei pochi in commercio);
- pagine opache adatte per scrivere e colorare;
- schede plastificate con le regole a inizio di ogni testo, da ritagliare.
Già con queste caratteristiche potrei fermarmi qui: trovarle tutte in un solo testo è rarissimo! Ma andiamo avanti.

Classe Prima
La dotazione della prima classe offre per prima cosa il libro del metodo. La letto-scrittura, presentata attraverso un metodo fono-sillabico, ha una storia sfondo non invadente, ma semplici personaggi che si alternano compiendo delle azioni che aiutano a presentare vocali e consonanti. Questa, a mio parere, è un pregio, perché immagino che, come me, ogni insegnante voglia creare uno sfondo integratore in base alla classe che ha di fronte o attraverso storie e personaggi già collaudati con i cicli precedenti. Il libro del metodo comprende anche le primi nozioni di ortografia e grammatica.
Le letture: evviva, fino a pagina 44 abbiamo lo stampato maiuscolo! Anche qui, una buona attenzione ai tempi naturali dei bambini. Le letture seguono le stagioni e le feste, alternano prosa e poesia, sono intervallate da laboratori di arte e di educazione ambientale.
Il libro delle discipline presenta tutte le restanti materie. In matematica vedo con piacere che si arriva fino alle prime addizioni e sottrazioni in colonna (senza il cambio, ovviamente). Tutto il resto è presentato in modo chiaro, incluse alcune sezioni dedicate alla cittadinanza (le regole).
Per l'insegnante, poi, il fascicolo per l'accoglienza, con giochi e attività per i primi giorni.
Ci sono per ogni alunno il quaderno di italiano (con un bel lavoro di pregrafismo e di corsivo) e il quaderno di matematica (con pagine per consolidare, verifiche in stile Invalsi e problemi per competenze).

Classi seconda e terza
Le letture vengono suddivise per macroargomenti in seconda e per tipologie testuali in terza; alternano laboratori linguistici, della creatività, della cittadinanza.
La grammatica, sempre in un volumetto agile a parte, presenta verifiche e prove Invalsi.
Le discipline, oltre a Matematica, Scienze, Storia e Geografia, contengono anche Bisogni e diritti ed Educazione Ambientale. Il carattere utilizzato in terza per i testi dello studio è chiaro, ad alta leggibilità e adatto a bambini con disturbi dell'apprendimento. In digitale, poi, è presente il testo fluido, modificabile a piacimento. Sono presenti anche laboratori in ottica interdisciplinare, che mi sono piaciuti molto.

Dotazioni aggiuntive
Cartelloni murali, una guida per ogni anno, materiali digitali sul sito.

In sintesi, ho apprezzato molto questo testo per una caratteristica peculiare: non è invadente, lascia un ampio margine di creatività all'insegnante e a una didattica per competenze perché non incardina il lavoro in modo serrato, non obbliga a seguire un percorso predefinito.

10 commenti:

  1. Numero telefonico Striscia la notizia, un programma televisivo italiano prodotto da Mediaset ed emesso su Canale 5. Striscia la notizia contatti

    RispondiElimina
  2. Nel volume per la classe terza c è una " storiella" fortemente diseducativa..
    Un contadino fa " sparire" i cuccioli di due gatte incinte per adottare um cane di razza! Sono un' insegnante e sono rimasta inorridita!!!!

    RispondiElimina
  3. il messaggio "far sparire i gattini appena nati" sarebbe educativo? ma che pedagogisti siete????

    RispondiElimina
  4. Pensavo di aver visto il peggio. Evidentemente mi sbagliavo.
    Lo zio vuole un cane, ma, siccome ha già troppi gatti, decide di far sparire i nuovi nati. E questo sarebbe un testo educativo per bambini di terza elementare? Ho i brividi!

    RispondiElimina
  5. Vergognoso, e meno male che tratterebbe anche di educazione civica e ambientale:ricordiamo che in Italia l'uccisione di animali è un REATO!

    RispondiElimina
  6. Se la vostra intenzione è quella di "NON EDUCARE" le nuove generazioni, beh... direi che con la squallida storiella dello zio che "fa sparire" i gattini appena nati... ci siete proprio riusciti! VERGOGNATEVI!

    RispondiElimina
  7. Da vergognarsi!!! E lei che persona e ??? Ma con che coscienza?

    RispondiElimina
  8. Su "Il diverso" togliete dei cuccioli a mamme gatto che hanno appena partorito.. raccapricciante ciò che viene trasmesso a dei bimbi di 3° elementare

    RispondiElimina
  9. Un formato anche bello, con pagine opache su cui si può scrivere e caratteri grandi e ben leggibili, non basta a nascondere il fatto che nella storia dei gattini si fa apologia di reato e si giustifica la crudeltà verso gli animali. Spero che tale testo venga tolto dal commercio e il suo uso venga proibito nelle scuole. Potevate almeno leggere i testi prima di pubblicarlo.

    RispondiElimina

Fammi sapere la tua opinione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...